paint 4Nell'alberata piazza Comunale si trova il Palazzo Pozzobonelli, il nome è legato ad una delle famiglie più importanti della storia locale.

 

Edificato sui resti di un antico castello, alla fine del Quattrocento fu acquistato da Gustavo Panigarola, collaboratore ed amministratore di Ludovico il Moro, che lo fece rinnovare con affreschi di gusto leonardesco e bramantesco. Tornato nel Settecento alla famiglia originaria, il palazzo fu scelto come residenza estiva del Cardinale Giuseppe Pozzobonelli, Arcivescovo di Milano.

 

Nel 1763, alla morte del Cardinale Pozzobonelli i suoi due nipoti ne spartirono l’eredità. Uno di questi fu il marchese Giorgio Porro Carcano, che a sua volta lasciò il palazzo di Vermezzo al proprio figlio, conte Luigi Porro Lambertenghi. Quest’ultimo, vissuto in piena età risorgimentale, partecipò alle imprese carbonare dell’epoca. Il suo nome figura fra i Patrioti che hanno l’Italia.

 

La proprietà è oggi della famiglia Lattuada che ne ha promosso un importante restauro conservativo.

È realizzato su un tipico schema ad "U" con due ali avanzanti rispetto al corpo centrale e da un loggiato, in parte murato, sormontato da una fascia di fregi e decorazioni sulla quale i critici hanno visto la mano del Bramante. All’interno, oltre a vari ambienti di epoca settecentesca, vi sono due stanze del XV secolo, finemente affrescate con motivi floreali.

 

All’esterno sono state riportate alla luce finestre gotiche incastonate da eleganti cornici in cotto sulle quali, a dispetto del tempo, ancora si scorgono tracce di decorazioni.

 

 

Fonte: Comune di Vermezzo

 

 

 

Palazzo Pozzobononelli Panigarola

 

 

  • Via XXV aprile 1 -  20071 Vermezzo con Zelo (MI)

 

Resta sempre aggiornato con la nostra Newsletter Iscriviti

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok