Sunday 24 June 2018
Parco Naviglio


Area umida di Abbiategrasso: la Provincia la riconosce ufficialmente

Dopo mesi di battaglie, a volte anche piuttosto aspre, dopo dibattiti e reciproche accuse l'Area Umida di Abbiategrasso è stata riconosciuta quale zona di tutela. A dirlo è Legambiente Abbiategrasso, a cui va riconosciuto un ampio merito nella vicenda, che riporta in un comunicato il parere emanato dalla Provincia di Milano. Un sospiro di sollievo e una grande soddisfazione per l'associazione abbiatense che, come si legge nel comunicato stampa, si ritiene soddisfatta "dal fatto di aver salvato da uno scellerato consumo di suolo un pezzo di paesaggio abbiatense che rischiava di essere cementificato con un centro commerciale con annesso parcheggio e lotto residenziale".

Dunque ora l'area è tutelata, questo nonostante nell'ultimo anno abbia subito attacchi dalla proprietà. Essendo ufficialmente riconosciuto il valore ecologico dell'area da un'amministrazione pubblica competente in materia, tra l'altro mediante un provvedimento normativo prevalente sugli strumenti comunali, sarà ora possibile rivedere le scelte urbanistiche cittadine. Sembra infatti che il provvedimento della Provincia, datato 19 marzo, sia perfettamente in tempo con le discussioni avviate in occasione della revisione del PGT, che non potranno non considerare il parere dell'Ente.

Legambiente Abbiategrasso, sempre tramite il comunicato annuncia che la battaglia non è ancora finita perché "l'area da proteggere dalla cementificazione è molto più vasta e il nostro obiettivo è di salvare tutti i 50 ettari di campagna che incorniciano il complesso monumentale dell'Annunciata e collegano visivamente la città con il Naviglio Grande." Staremo a vedere.






© parconaviglio.com 2010 | Tutti i diritti riservati | E' vietata la riproduzione anche parziale | P.Iva 08761490153

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi nel documento seguente. Leggi documento